Il miracolo d’un amore immortale đź–¤đźŚą

“Scrivi Izet Sarajlic e leggi: Sarajevo. Ricorda Predrag Matvejevic: «Le ragazze della Promenade Wilson, alla periferia della città, recitavano le sue poesie d’amore, che conoscevano a memoria». Poeta integrale, nel cuore, nella testa e nella carne, Izet ha legato l’intera sua vita alla città sacrificata in una sorta di massacro rituale sull’altare della fine del Novecento. Così in pace come in guerra, Izet, nato a Doboj nella Bosnia settentrionale, era egli stesso Sarajevo: impastato di esodi e migrazioni, amori e rancori. Quest’uomo mite e indifeso nei feroci Balcani della separazione etnica. Lui di famiglia musulmana, sposato all’amatissima Mikica, cattolica e figlia di cristiani ortodossi. «Tu sei una donna piccola/ tu sei una piccola donna/ e un agosto immortale ti ha portato nelle mie ballate…». Lui jugoslavo, lui comunista non pentito: «Persino i nostri sogni del comunismo/valevano più/di tutte le nostre successive delusioni». Nessuno come Izet è riuscito a descrivere la dolcezza della pace e la miseria della guerra, e nessuno ha avuto il coraggio di rifiutare la fuga, testimoniando la sua fedeltà a Sarajevo per tutto il tempo dell’assedio. Quattro inverni in fila per l’acqua e per il pane, affondato la notte in un buco fetido, rasente ai muri quando i cecchini sparavano sulla città. «Tutto è possibile./Fai la fila per comprare il pane/ e ti ritrovi al reparto di traumatologia/con una gamba amputata./ E sostieni poi/di aver avuto fortuna». Izet è morto nel 2002, ma era già morto prima, insieme alla moglie, alla quale è dedicata questa splendida poesia.” _

__

Mi sono innamorato delle sue poesie e di come attraverso semplici parole riesca a rendere possibile ciò che per la realtà fisica sia impossibile. Anche un uomo devastato dal dolore può generare il miracolo d’un amore immortale! Fedele fino in fondo a se stesso ed alla sua poetica, Sarajlić riesce a superare gli orrori e le tragedie individuali e collettive donando all’uomo l’unico risarcimento possibile, quello della poesia.

__

#andreabracciale #poesia #guerra #pace #libertĂ  #amore #love #stopwar #dreamers #lovers #life #resistence #libri #iorestoacasa #notte #lettureinquarantena #letture #words #parole: luca fusi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...